Allarme per l’epidemia di Coglionevirus in Italia.

Sta destando forte allarme la diffusione del Coglionevirus (CgViD-19) sul territorio italiano.
I sintomi della malattia sono tipici, e riguardano la sfera psichiatrica: gli ammalati smettono di frequentare negozi e ristoranti gestiti da cinesi, o comunque da asiatici, evitano di entrare in luoghi confinati (mezzi di trasporto, locali chiusi) nei quali si trovino dei cinesi, evitano il contatto con merci od oggetti provenienti dalla Cina, e indossano mascherine in ogni situazione a loro giudizio sospetta.
Un altro sintomo neurologico del CgViD-19 è la tendenza psicotica a richiedere provvedimenti drastici contro i cinesi, come esclusione dalle scuole, chiusura delle frontiere ed espulsione dal paese.
Nei casi più gravi la malattia porta a comportamenti discriminatori nei confronti dei ticinesi o dei terracinesi, a rifiutarsi di giocare a morra cinese, e a rifiutarsi di recarsi a Cìnisi (Palermo).
L’arresto delle facoltà cognitive, evidente dagli esempi sopra riportati, rende difficile ipotizzare una cura, e il rimedio più sicuro appare l’eutanasia.
(ANSIA, 18 feb 2020)

pagina creata il: 7 febbraio 2020 e aggiornata il: 18 febbraio 2020