Mohammad Hossein Naghdi

Mohammad Hossein Naghdi era un membro del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana, assassinato il 16 marzo 1993 in via delle Egadi, nel quartiere romano di Montesacro.
Mohammed era arrivato a Roma nel 1981, quando il regime di Khomeini l'aveva nominato ambasciatore, ma un anno dopo, aveva "ripudiato" il governo islamico, "impressionato dagli orrori del regime" ed era diventato uno dei maggiori esponenti dell'opposizione all'integralismo khomeinista. Gli fu quindi affidata la rappresentanza ufficiale del Consiglio nazionale di liberazione iraniano, che aveva sede in via delle Egadi. "Da quel momento, il governo di Teheran ne ha decretato la condanna a morte",

Mohammad era nato a Yazd, in Iran, il 25 marzo 1951 e quindi quando è stato assassinato stava per compiere 42 anni. Era sposato con Ferminia Moroni, italiana di Foligno
Naghdi è sepolto nel cimitero acattolico di Roma, presso la Piramide Cestia, nella Zona 3, Riquadro 2, Fila 6, Posizione 13.
Mohammad è ricordato da una targa in piazza Elba, a poche centinaia di metri dal luogo dell'assassinio, e da un'altra targa ad Ancona, in piazza Cavour.

Siti visitati
https://www.cemeterywalks.it/defunti/naghdi-mohammed-hossein/
https://formiche.net/2020/08/teheran-spie-iran-naghdi/.
https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1993/03/17/prima-il-fratello-adesso-lui.html

pagina creata il: 12 novembre 2022 e aggiornata al: 12 novembre 2022