Simón Bolívar e Montesacro

Il libertador dell'America latina, Simón Bolívar (1783–1830) fu a Roma nel 1805 ed il 15 agosto, con l'amico, precettore e compatriota Don Simón Rodríguez, e secondo altri (SALIMA e VELÁSQUEZ) anche con Fernando Toro, si recò sul Monte Sacro, teatro della secessione della plebe nel 494 a.C., dove pronunciò un famoso giuramento: "¡Juro delante de usted, juro por el Dios de mis padres, juro por ellos, juro por mi honor y juro por mi patria, que no daré descanso a mi brazo, ni reposo a mi alma, hasta que haya roto las cadenas que nos oprimen por voluntad del poder español.!" ("Giuro davanti a voi, giuro sul Dio dei miei padri, giuro su loro, giuro sul mio onore e giuro sulla mia patria, che non darò riposo al mio braccio, né pace alla mia anima, fino a che non avrò spezzato le catene che ci opprimono per volontà del potere spagnolo!").

Il 27 dicembre 1922 il Consiglio comunale di Roma diede all'attuale Piazza Menenio Agrippa, della Città Giardino Aniene, (oggi Monte Sacro) il nome di Piazza Bolívar. Il 17 dicembre 1930, in occasione del primo centenario della morte del Libertador e del 125° anniversario del suo giuramento, dedicò sulla facciata della scuola Don Bosco, in piazza Monte Baldo, una lapide commemorativa con la seguente iscrizione: -"XVII dicembre MCMXXX - A Simone Bolivar, che sul sacro suolo dell'Urbe, giurò di restituire a libertà i suoi generosi fratelli d'America. Roma madre delle genti, nel primo centenario della sua morte, dedica questo ricordo e latinamente saluta i popoli redenti dal Liberatore". Sulla stessa facciata, subito sotto la lapide del 1930, è apposta un'altra piccola lapide che recita: "Un juramento inspiró tu grandeza, un recuerdo constante de nosotros la ensalza y engrandece cada día más. - Misión Naval Venezolana de entrenamiento en Italia. Roma, 12 de Octubre de 1956" ("Un giuramento ispirò la tua grandezza, un ricordo costante di noi la esalta e la ingigantisce ogni giorno di più. - Missione Navale Venezuelana di addestramento in Italia. Roma, 12 ottobre 1956").
Il 25 febbraio 2005 il documento finale del quarto Vertice del debito sociale di Caracas, perorando la necessità della Carta Sociale delle Americhe, la definisce come erede del giuramento del Monte Sacro e il 16 ottobre 2005, nel secondo centenario della visita di Bolívar, Hugo Rafael Chávez Frías, il presidente del Venezuela, nazione che ha visto nascere Bolívar, ha reso omaggio al memoriale che ricorda l'evento, compiendo anche la prima visita ufficiale di un Capo di Stato a un municipio romano.

Il memoriale del giuramento di Bolívar si trova sulla sommità del Monte Sacro, oggi giardino pubblico, denominato "Parco Simón Bolívar", a poche centinaia di metri da piazza Sempione. Per arrivarci bisogna scendere da piazza Menenio Agrippa per la vecchia via Nomentana (costeggiando il giardino), girare alla prima traversa a sinistra, via Falterona, all'altezza del mausoleo, dopo pochi metri a destra entrare nel giardino dal cancello e salire sulla cima del colle (circa cento metri di "ascesa"). Il monumento, inaugurato il 15 agosto 2005 ed opera dell'architetto venezuelano Jorge Castello con la collaborazione del grande Fruto Vivas (sito web), consta di uno spiazzo ellittico con in mezzo una piattaforma circolare con al centro una colonna attica di marmo iraniano tipo travertino, a base quadrata in granito, di 8 metri di altezza, che può essere illuminata, che rappresenta “il faro che illuminerà per sempre lo sviluppo futuro dell’umanità”, creano silenziosamente l’armonia tipica dei luoghi sacri.
Il monumento è accompagnato da un busto di Bolívar al bordo dello spiazzo e di una serie di pannelli trasparenti che recano il testo del giuramento in italiano e in spagnolo ed i nomi dei committenti, i presidenti della Repubblica italiano e venezuelano (Ciampi e Chavez), i ministri degli esteri dei due paesi, l'ambasciata del Venezuela a Roma ed il Comune di Roma. Il memoriale è stato restaurato e risanato il 13 agosto 2014, dopo essere stato vandalizzato. Attualmente il giardino è protetto da cancellate e videocamere per evitare nuovi atti vandalici.

BIBLIOGRAFIA
CAFERRI F., OPPES A. (2005) Chavez, un rivoluzionario a Roma Sono un libertador, come Bolivar. La Repubblica, 17 ottobre 2005 link
G.I. (2005) Chavez ricorda Simon Bolivar a Montesacro. La Repubblica, 16 ottobre 2005 link
GONZÁLEZ DÍAZ Joaquím (1960) Il Giuramento di Bolivar sul Monte Sacro. Capitolium,4: 3-6.6.
MESSINA FAJARDO Luisa A. (2005) Simón Bolívar. Ibìnformativo Venezuela Bolivariana, 3. 2: 16-17.
link
PULLARA Giuseppe (2005) Chavez a Montesacro "Qui giurò Bolivar duecento anni fa". Il Corriere della sera, 17 ottobre 2005
link
SALIMA Pedro, VELÁSQUEZ Aníbal (2008) Reflexiones en torno al Juramento del Monte Sacro (selección de ensayos). Fundación Editorial el perro y la rana, Caracas
link
http://www.latinoamerica-online.info/cult05/arti05.27.juramento_bolivar.html
http://www.frutovivas.net/
http://www.vtv.gob.ve/articulos/2014/10/15/16-de-octubre-de-2005-comandante-chavez-visita-el-monte-sacro-9243.html
http://www1.adnkronos.com/Archivio/AdnAgenzia/2005/08/14/Cronaca/ROMA-A-MONTESACRO-MONUMENTO-PER-BICENTENARIO-GIURAMENTO-BOLIVAR_153004.php
http://www.aporrea.org/actualidad/n67404.html

pagina creata il: 2 maggio 2014 e aggiornata a: 21 aprile 2016